Come recuperare il bambino interiore con gli esercizi di Louise Hay

Ognuno di noi ha dentro sé un bambino interiore che è vissuto e si nutre dell’infanzia e dell’adolescenza di ciascuno di noi. Il metodo Louise Hay contempla, tra l’altro, anche gli esercizi per il bambino interiore utili a far sì che ognuno di noi riesca a recuperare quella parte che è andata perduta e che potrebbe essere la chiave per una vita più serena e tranquilla.

Come insegna Louise Hay, il bambino interiore rappresenta la nostra emotività.
Il bambino si forma tra i 2 e i 7 anni d’età ed è in questo periodo che inizia a filtrare e vivere il mondo esterno. Quindi vive le paure e il rapporto con gli altri e arrivato a 7 anni inizia a creare le prime false credenze sulla base di ciò che lo circonda.
Secondo la Hay, il bambino interiore ha due aspetti: da una parte c’è la giocosità e la spontaneità; dall’altra la paura, il senso di colpa, la capacità o meno di definire i propri spazi.

I nostri genitori e il rapporto che abbiamo avuto con loro è molto importante, ma non bisogna concentrare meriti e colpe solo su di loro. Come afferma Louise Hay, siamo tutti vittime di altre vittime, nel senso che un genitore che non è stato amato durante la sua infanzia avrà difficoltà a insegnare l’amore ai suoi figli. Il nostro compito è scoprire l’infanzia e l’adolescenza dei nostri genitori per capire i motivi alla base del loro comportamento. Oltre ai genitori ci sono altre figure che influenzano il bambino interiore, come l’insegnante, l’amico, il fratello o chiunque stringa con lui un rapporto profondo.

Quello che insegna Louise Hay è che dobbiamo imparare a essere amorevoli con noi stessi, cercando il bambino che è dentro di noi e donandoci affetto, sostegno e comprensione proprio come se fossimo genitori e figlio allo stesso tempo. Per comunicare con il bambino interiore, gli esercizi si concentrano sul dialogo, il divertimento, la guarigione e il perdono.
È molto importante stabilire un dialogo con il bambino interiore, così come è importante divertirsi e cercare di guarire le ferite. Il perdono è altrettanto importante e visto come la chiave per ritrovare serenità.

Un altro esercizio per riscoprire il bambino interiore riprende una delle tecniche più note di Louise Hay, ossia quella che utilizza lo specchio.
Lo specchio è consigliato per riscoprire il bambino interiore perché ci aiuta a guardarci in profondità e a vivere il momento presente. Il presente è il momento più importante della nostra vita perché è l’unico momento che possiamo cambiare e che ci permette di guarire le nostre ferite.

Libera la tua vita” è l’opera di Louise Hay in cui si affronta il tema del bambino interiore. Consulta il calendario dei seminari e scopri, tra quelli in programma, quelli dedicati agli esercizi per ritrovare il bambino che è in noi.

Informazioni ed iscrizioni:
email: [email protected]
mobile: +39 377/1184138