Imparare ad amare se stessi

Amare se stessi è una meravigliosa avventura, è come imparare a volare: questa è solo una tra le numerose e toccanti citazioni di Louise Hay .
Immagina se tutti avessimo il potere di volare quando vogliamo. Come sarebbe eccitante! Inizia ad amarti ora.

Amare se stessi è alla base di tutte le attività e al processo di crescita interiore proposto da Louise Hay. L’amore verso se stessi consente di migliorare la qualità della propria vita, il rapporto con il mondo e il modo di gestire le emozioni, volgendole in positivo.
Come tutti i percorsi previsti dal metodo Louise Hay anche per amare se stessi esistono delle fasi, che porteranno l’individuo ad amarsi e rispettarsi di più.

Informazioni ed iscrizioni:
email: [email protected]
mobile: +39 377/1184138

#1 No all’autocritica

L’autocritica non è sempre costruttiva, anzi, molto spesso rappresenta un ostacolo verso il miglioramento.
Criticare se stessi porta a far crescere un risentimento verso le proprie capacità o il proprio modo di essere. Come ogni altro sentimento negativo, anche il risentimento impedisce il miglioramento perché tiene ancorati al passato. Il primo passo per amare se stessi è quindi smettere di autocriticarci, prendendo ogni errore come un insegnamento per il futuro.

#2 No alla paura

Molto spesso anche piccoli eventi quotidiani hanno il potere di atterrirci, è come se ci sentissimo in torto verso il mondo che ci circonda. Ogni volta che questa sensazione di paura e inadeguatezza ci prende dobbiamo focalizzare l’attenzione su qualcosa di positivo, che sia un’immagine, una frase o un suono non ha importanza. L’importante è che quello che scegliamo riesca a portare serenità dentro di noi.

#3 Sì alla pazienza verso noi stessi

Quando si ama qualcuno, soprattutto un bambino, si ha sempre una atteggiamento di pazienza e gentilezza nei suoi confronti, molto spesso, però, questo atteggiamento non viene rivolto verso noi stessi. Pretendiamo sempre troppo dalla vita, come se avessimo fretta di finire tutto e che tutto venga compiuto. Molto spesso non è così e quindi ci sentiamo frustrati e insoddisfatti.
La pazienza è fondamentale, aiuta a mantenere la calma, a far crescere la speranza e a credere nelle nostre capacità.

#4 Sì gentilezza verso la nostra mente

Partendo dal presupposto che tutti commettono errori, che tutti hanno momenti bui o di debolezza, dobbiamo capire che non possiamo colpevolizzarci per questo. Capitano le giornate no, capita di non trovare la forza per affrontare qualcosa. Il processo per amare se stessi di Louise Hay serve anche a superare questi momenti e a imparare a concederci un momento per ricordarci quanto ci amiamo, ripetendo nella nostra mente “Ti voglio bene! Tutto andrà bene“.

#5 Lodiamoci

Siamo abituati a complimentarci con familiari, partner, amici e colleghi per i successi che ottengono, per i progressi che fanno in ogni campo. Perché non farlo anche con se stessi?
Dobbiamo imparare a lodarci, a riconoscere le nostre vittorie, anche le più piccole, perché tutto concorre al miglioramento e alla crescita interiore.

#6 Chiedere aiuto

Molte volte le richieste di aiuto vengono vissute come espressione di debolezza, in realtà la capacità di chiedere aiuto dimostra forza. Quando non si riesce a fare qualcosa, evitare di chiedere aiuto può condurci in uno stato di frustrazione e depressione, perché non siamo in grado di portare a termine un compito e perché ci sentiamo soli nel farlo. Farci circondare da amici e parenti, farci sostenere per riuscire a raggiungere un obiettivo ci fortifica e ci fa sentire più amati e compresi.

#7 Amare i lati negativi

Nel processo che porta ad amare se stessi è fondamentale imparare ad amare anche i nostri lati negativi. Gli errori plasmano ciò che siamo, ci aiutano a conoscerci e ci fanno capire dove c’è più bisogno di lavoro.
A volte la soluzione migliore è imparare a sorridere di noi stessi, l’autoironia permette di eliminare la negatività e quindi di guardare con maggiore serenità noi stessi, con tutti i nostri difetti.

#8 Curare il corpo, per amare l’anima

Il corpo è la casa della nostra anima e come tale va curata. Questo si traduce nel condurre una vita sana, mangiando ciò che ci fa stare bene, facendo una moderata attività fisica, dedicando parte della giornata alla cura del nostro corpo. Bisogna imparare ad ascoltare i segnali che il fisico ci manda, se un alimento è poco digeribile o non ci dà la giusta carica andrebbe evitato. Se andare in palestra è noioso, mentre una lunga passeggiata ci consente di rilassarci per mantenerci in forma è meglio optare per la seconda.

#9 Amare se stessi attraverso lo specchio

Lo specchio è l’unico mezzo che ci consente di guardare noi stessi, di riconoscerci attraverso la nostra immagine. Attraverso lo specchio possiamo parlare a noi stessi, guardandoci negli occhi. Ecco perché questo è il principale mezzo consigliato da Louise Hay per amare se stessi. Mettendoci davanti allo specchio ogni giorno e comunicando a noi stessi in maniera positiva, anche quando è accaduto un fatto negativo, è un enorme aiuto per imparare l’amore per se stessi.

#10 Non bisogna aspettare

Non c’è bisogno di aspettare per amare se stessi, è qualcosa che si può imparare a fare da subito, proprio in questo momento. È dall’amore per se stessi che parte tutto, dall’amore per se stessi parte anche l’amore degli altri verso di noi, il nostro rapporto con il mondo, il nostro grado di serenità.

Se vuoi imparare ad amare te stesso con il metodo Louise Hay segui uno dei nostri corsi.